Vanity Metrics, cosa sono e perchè sono importanti

0

Perché tutti dicono di non dare conto alle Vanity Metrics?

La risposta più ovvia, secondo me, è perché le usano in modo sbagliato.

In questo articolo analizziamo come sfruttare a proprio vantaggio e come invece non usare le Vanity Metrics.

Cosa sono le Vanity Metrics

Prima di cominciare vediamo cosa sono le Vanity Metrics.

Quelle che sono etichettate come “Vanity Metrics” non sono altro che il numero di follower, like e commenti che si ottengono ai post: insomma tutto ciò che riguarda l’engagement.

Tutto qui?

Esatto, tutto qui. Sul web ne parlano come se fossero il male assoluto ma, ripeto, il motivo è che non sanno usare questi dati.

Come NON usare le Vanity Metrics

Se usi questi dati per vantarti con gli amici oppure online allora sì, ha ragione chi ne parla male e, mi dispiace dirlo, non sai come sfruttare questi dati.

Ma se questo è il motivo sei qui proprio apposta, no? 🙂

Ci sono influencer, aspiranti tali o finti (già, esistono anche questi), che usano questi dati solo per strappare collaborazioni a destra e a manca per poi fare figure di melma perchè non sanno nemmeno cosa stanno facendo.

Ecco, questo è un esempio di come NON usare queste metriche.

Perchè le Vanity Metrics sono importanti

Le Vanity Metrics sono importanti perchè ti fanno capire se il lavoro che stai facendo piace ai tuoi follower oppure no.

In che modo?

Come detto prima queste metriche sono legate all’engagement, quindi più il tuo engagement è alto più vuol dire che stai facendo un ottimo lavoro.

Diversamente, devi cambiare strategia.

Questo, secondo me, è il senso delle Vanity Metrics.

Personalmente quando vedo un mio post che piace ai miei follower mi ritengo soddisfatto perchè vuol dire che ho fatto un buon lavoro.

E’ un reato? Non credo proprio.

Di certo non vado a vantarmi con nessuno, ma uso questi dati per continuare a pubblicare ciò che piace ai miei follower.

Una cosa che mi ha aiutato molto è stata creare un calendario editoriale.

In questo modo so cosa pubblicare e quando farlo, che è possibile sapere analizzando gli orari migliori in cui condividere i post sui social.

Ma le Vanity Metrics sono solo numeri se…

Non hai costruito una community.

Esatto, se non hai creato una community pronta a seguirti ovunque, allora questi dati saranno solo numeri e devi far di tutto per far diventare questi numeri in fan e quest’ultimi in veri fan.

Pensa come se fosse un funnel che deve convertire questi utenti: devi far diventare quel “numero” in un fan e portarlo poi all’ultimo step, quindi un “vero fan”.

Ma qual è la differenza?

C’è una persona che mette ‘like’ ad un tuo post, questa persona comincia a seguirti ed inizia a capire chi sei e cosa fai, quindi comincia a guardare tutti i tuoi video su YouTube o compra un tuo prodotto o servizio.

Questo è solo un esempio easy peasy, ma il concetto c’è.

E indovina un pò? E’ proprio con i veri fan che si creano le community.

Quindi non riesci a convertire questi numeri e non riesci a trarre nessun guadagno da tutto questo, vuol dire che c’è qualcosa che non funziona.

Spesso, infatti, quel qualcosa che non funziona è proprio il fatto che manca un legame con i propri follower.

Un altro problema che spesso si presenta è la comunicazione.

Ma non si crea una community da un giorno all’altro, c’è bisogno di tempo (e con tempo intendo ANNI).

Torniamo un attimo al convertire: potenzialmente, con una community, hai più possibilità di guadagno con un account di 20k rispetto ad uno di 100k che pensa solo ai numeri.

Capisci perchè è importante creare una community?

Conclusioni

Bene, abbiamo visto quindi cosa sono le Vanity Metrics, come non usarle e come, invece, sfruttarle a proprio vantaggio.

Ora spero che quando leggerai sui social che le Vanity Metrics non sono importanti, condividerai loro questo articolo. 🙂

Spero ti sia stato utile e, come sempre, se hai qualche domanda non esitare a contattarmi oppure a lasciare un commento.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui