Dropshipping: le migliori alternative a Shopify

0

Esistono diverse alternative a Shopify per poter avviare il proprio business online grazie al dropshipping. Ti consiglio di valutare attentamente le varie piattaforme, in modo da capire qual è la più adatta a te e al tipo di business che vuoi portare avanti.

Come sicuramente sai il dropshipping è un business che puoi avviare totalmente online e con bassi costi iniziali per avviarlo. Crei il tuo ecommerce e inizi a vendere la merce di terze persone, trattenendoti una commissione per te.

In questo articolo vediamo quali sono le migliori alternative a Shopify per iniziare a guadagnare con il dropshipping.

Dropshipping: le migliori alternative a Shopify
Le migliori alternative a Shopify

Cos’è il dropshipping

Non si tratta però di un classico ecommerce. Nel caso del dropshipping tu di fatto non possiedi la merce, non hai un magazzino e una logistica da gestire. Tutto quello che devi fare è cercare di vendere i prodotti di terze persone attraverso il tuo sito web.

Chi compra lo fa direttamente sul tuo ecommerce però non sei tu a fare l’imballaggio e la spedizione, ma piuttosto il produttore. Certo, come tutti i business ha i suoi rischi, però bisogna dire che le persone oggi ne sono attratte proprio perché richiede un investimento basso e allo stesso tempo non c’è bisogno di comprare merci in anticipo, pagare un magazzino, dei dipendenti e altre spese.

Leggi anche: Come funziona il dropshipping

Quali sono le migliori alternative a Shopify

Shopify è una piattaforma software di e-commerce che ti permette di creare il tuo negozio online piuttosto velocemente. Grazie a questo tool puoi creare un e-commerce, anche senza tante competenze tecniche. Se da una parte è vero che si tratta di uno dei migliori software presenti sul mercato, c’è da dire anche che non è l’unico.

Qui sotto ti mostro le alternative a Shopify in modo che tu possa fare le tue valutazioni e decidere quale fa al caso tuo.

  1. Bigcommerce: viene utilizzata dai grandi marchi ed è considerata la miglior alternativa a Shopify. Offre alcuni strumenti più avanzati e per questo è pensato per le imprese con fatturati elevati. Non è consigliato a chi sta avviando adesso un piccolo business e non ha un brand importante.
  2. Wix: è facile da utilizzare anche se sei alle prime armi. E’ tutto piuttosto automatizzato e non importa saper mettere mano al codice. E’ stato creato proprio per i principianti e anche per questo ha lo svantaggio di essere un po’ limitato e perciò non è possibile personalizzarlo troppo.
  3. Woocommerce: chi usa WordPress, spesso decide di affidarsi a WooCommerce. Lo installi e gestisci il sito e il negozio dalla stessa piattaforma. Inoltre il negozio sta sui tuoi server. Il punto a favore è appunto il totale controllo del sito web. Puoi fare tutte le modifiche di cui hai bisogno e ingrandirlo man a mano. Lo svantaggio, se così vogliamo chiamarlo, è che devi occuparti tu di eventuali problemi al sito. In ogni caso se scegli un hosting come Serverplan avrai il loro supporto per eventuali problemi ai server e risponderanno in tempi brevi ad ogni tuo dubbio o qualsiasi domanda.
  4. Zyro: è uno strumento piuttosto potente e puoi realizzare in poco tempo e senza tante competenze il tuo negozio online per il dropshipping. Una volta scelto il tema grafico puoi fare tutte le personalizzazioni che vuoi. Inserire pulsanti, contenuti, prodotti e tanto altro.

Leggi anche: Come guadagnare con il print on demand

Conclusioni

Bene, abbiamo visto quali sono le migliori alternative a Shopify.

Shopify probabilmente resta l’opzione più semplice per gli utenti che non hanno molte competenza tecniche, ma anche l’accoppiata WordPress + WooCommerce è molto semplice da realizzare e gestire.

[Voti: 0   Media: 0/5]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui